Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
IO, ANGELA
1. PIETRA PER PIETRA, dall'A alla Z
2. LE PIETRE DEL BENESSERE
3. CRISTALLI E...
4. ILDEGARDA DI BINGEN
5. F.A.Q.
6. I MIEI OSPITI
7. LETTI PER VOI
8. wwNw
APPUNTI DI VIAGGIO
BACHECA
BIBLIOGRAFIA E FONTI
SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
we want NO wars

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Angela ha aderito all'iniziativa del SurjaRing
wwNw
we want NO wars

Questo è il suo messaggio:


La follia della ragione
e le ragioni del cuore


Ebbene sì, mi costituisco pubblicamente: l’iniziativa WWnW l’ho lanciata io!

Tre anni fa – vivo a Napoli ed a Napoli, più frequentemente che in altre città, queste cose capitano piuttosto spesso – subii uno “scippo”; accompagnata al più vicino posto di polizia, dovetti elencare quanto era contenuto nella borsetta che mi era stata sottratta.

A volte non ci rendiamo conto di quante cose abbiamo ne’ del valore che portiamo in giro; fate come me: svuotate la vostra borsa ed elencate a voi stessi, lucidamente, le cose che possedete in essa! Telefono cellulare (qualche volta anche due telefoni), rossetto della migliore marca, portafogli, mai completamente vuoto, carte di credito, libretti di assegni e quant’altro: una fortuna!
Altri generi di “scippi” ho subito, nella mia vita, che spesso mi hanno sottratto cose ma anche sentimenti, condizioni di vita, la fiducia nell’altro (quello più vicino possibile, a volte, quello a cui ti affidi perché pensi che mai ti farebbe del male): la vita è anche questo! Mi sono angosciata nel dolore della perdita, ho sofferto, davvero molto: credo che sia naturale ed umano l’aver pianto le mie perdite. Oggi, però, desidero pensare a quanto ho, non più a quanto mi è stato tolto! Se così non fosse, mi sentirei mischiata ai “sottrattori”, ed in qualche modo, comunque, in quest’epoca disumanizzante, colma di distrazione ed arrivismo, di apparire in vece di essere, ci mischiamo un po’ tutti ai “sottrattori” e così non deve, non può essere. Mai più!

Fermiamoci a pensare a quanto siamo ricchi! Fermiamoci a pensare cosa riuscirebbe a fare un abitante del Terzo Mondo, una donna madre e moglie in medio Oriente, un profugo - da qualunque posto del mondo egli provenga -, il nostro vicino pensionato, non con tutto ciò che ciascuno di noi possiede, di materiale e di morale, ma solamente con la cifra che si ricaverebbe dagli oggetti che portiamo nella nostra borsa: tantissimo!

Dopo aver subito il furto-scippo scivolai – com’è naturale quando accade che ci venga sottratto qualcosa di nostro, di personale – in un profondo sconforto; non possedevo più un telefono cellulare ma – peggio – non possedevo neanche più i numeri telefonici dei miei amici, salvati nella memoria del telefonino che mi era stato rubato; non possedevo più neanche la macchina fotografica che, per un caso fortuito, si trovava all’interno della famigerata borsetta, quel giorno, e non avrei potuto, quindi, scattare le foto ricordo durante il viaggio che mi accingevo a fare di lì a pochi giorni.
Mi sentii provata e privata da quell’esperienza, certo! Ma coloro che vengono privati dello stretto indispensabile per sopravvivere? E coloro che vengono privati degli affetti, strappatigli brutalmente e disumanamente da inutili - da qualunque parte giungano: SONO INUTILI! - guerre?

Passato qualche giorno, e tornata alla normalità del quotidiano, ricomprai telefonino e macchina fotografica più bella della precedente, pur rimanendo nell’ambito delle apparecchiature fotografiche piuttosto economiche, ma sicuramente “ultimo modello”. E la vita è andata avanti: non ci ho pensato più ed ho sostituito, ricomperandolo in un pomeriggio, tutto il necessario per riempire una nuova borsetta; tutto è andato avanti, fra alti e bassi, momenti felici ed attimi di sconforto, fino ad oggi...

Gli ultimi mesi non sono stati facili, credo, per molti di noi.
Dietro l’apparenza di personali momenti difficili, ho la sensazione che ci sia – anche – un senso di precarietà diffuso che si annuncia a noi tutti come l’eco lontana di un rombo, una sottile vibrazione della Terra stessa che, così, esprime il proprio profondo disagio e che è comune, forse, in questo momento, a tutti noi o, forse, a tutti coloro che desiderano possedere orecchie per avvertirlo.

Ritornando al contenuto della mia borsetta: mi sono domandata a quanti oggetti sarei VERAMENTE disposta a rinunciare per un mondo di pace.
Inizialmente, credo, lo ammetto, mi sarebbe difficile rinunciare ai miei telefoni cellulari, agli apparecchi TV che sono a casa mia (che per altro non accendo oramai quasi più, per non ascoltare banalità che ledono la nostra dignità ed i nostri sentimenti, il più delle volte), alle cosiddette “comodità” offerteci dalla “vita moderna”, insomma! Ultimamente, però, mi sto ponendo un’altra domanda: quanto meglio vivrei se, rinunciando a queste “comodità”, ritrovassi un modus vivendi più a misura d’uomo, anche se in apparenza più scomodo, e quante chances darei a “quegli altri” (quelli che non sanno neanche come sia fatto un telefono cellulare e che l’acqua corrente - figuriamoci, poi, quella calda! - neanche riescono a sognarla) perché riescano a sopravvivere? Mi sorge il dubbio che – forse – è troppo facile, per noi, commuoverci nel seguire in TV un programma sugli abitanti delle favelas ed inviare un piccolo contributo a qualche associazione che raccolga fondi, tacitando la nostra coscienza ma facendo salvi elettrodomestici, apparecchiature Hi Fi di ultima generazione, personal computer, seconda macchina, settimana bianca e quant’altro vivendo nell'illusione di possedere tante "comodità" che ci facilitano la vita, senza accorgerci di quanto sia, oramai, disumano questo nostro vivere!

Io credo che sia tempo di fare altro. Qualcosa di molto più facile ma, contemporaneamente, difficilissimo: rinunciare alle nostre piccole “borie”, riconquistando umiltà ed umanità, donando un sorriso vero, sinceramente aperto e disponibile, a chiunque incroci il nostro sguardo, rinunciando agli apparentemente piccoli – ma solo apparentemente – compromessi quotidiani perpetrati da fretta e distrazione; in una parola: cambiare profondamente, radicalmente, definitivamente la nostra vita ed i nostri valori.

Due giorni fa ho visto, durante una delle rarissime volte in cui accendo la TV, la poetessa Alda Merini – donna, a mio avviso, di profonda umanità, dal grande senso dell’humor, dell’autoironia e della dissacrazione, di quel genere di dissacrazioni che io reputo “positive”, tese a “rompere” degli schemi stupidamente sovrastrutturali – affermare che il suo essere credente le fa immaginare Dio nell’atto di volgere verso di noi uno sguardo di riprovazione per ciò che siamo riusciti a fare, ed ha affermato: “credo che Dio sia molto arrabbiato con noi!”. Io concordo pienamente con Alda.

Credo che non ci sia più tempo ne’ spazio per il rifiuto o l’emarginazione di chicchessia, neanche – o principalmente – per i motivi di principio spicciolo che ci tengono ancorati a comportamenti piccini con chi ci è più prossimo; credo che non ci sia più tempo per i facili pietismi, per i dibattiti, per gli schieramenti, per la superficialità e la distrazione, per “chi ha ragione” e per “chi ha torto”; non è più tempo di rifugiarci nei nostri appartamenti chiudendo fuori dalla porta le pene ed i problemi del mondo: abbiamo già sperimentato, da più parti, che non vi sono porte, per quanto lussuosamente blindate, abbastanza resistenti alla pressione di queste sofferenze umane!
Se la Terra crollerà sotto le sferzate folli di chi vuole combattere, comunque, per ottenere un potere terreno, cadremo noi tutti, in un affratellante silenzio di morte. Che soddisfazione!

Io sono disposta a rinunciare a molto di ciò che possiedo, inizio da oggi e, se non bastasse, sono disposta a rinunciare al resto: non penso mi serva, tutto sommato, più a granché, se mi manca la pace! Ciò che so non potrà mai essermi tolta è la dignità, e conserverò quella come vero valore.

Voglio, per me e per tutti, vedere realizzata l’utopia – sì, voglio VEDERLA, questa utopia! – stampata sui nostri volti, e che si avveri l’impossibile: che l’utopia si renda realtà e che esploda la pace, per tutti noi!
Che la pace sia apportatrice, finalmente, di umanità, che quest’umanità comprenda anche la morte - certo - ma che sia morte serena, conseguenza naturale di un aver umanamente vissuto, non dilaniata da angoscia per il futuro, da bombe, da fame, da scenari disumani e folli, dalla privazione dello stretto indispensabile per alcuni, a scapito del superfluo per altri.

Il mio messaggio non è politico, non è partitico, non desidera appoggiare nessuna associazione ne’ crearne di nuove: è un messaggio UMANO che lancio nel mare del web, da una piccola creatura ad un piccolo popolo.

Questo è ciò che desidero comunicare: ammazziamo le guerre con un sorriso vero e con vera disponibilità verso l’altro, chiunque esso sia, anche se si dichiara “nostro nemico”: è l’unico vero sforzo che noi del piccolo popolo possiamo e dobbiamo fare, perché il mondo cambia solo se prima cambiamo noi!
wwNw
we want NO wars
Angela
Angela ha aderito all'iniziativa del SurjaRing
wwNw
we want NO wars


Leggi, negli altri siti del SurjaRing, i contributi su wwNw di:
Angela, Adriana, Antonio, Armida, Barbara, Bianca, Bruno, Cinzia, Claus, Danila, Elda, Fabiana, Francesca, Gaetano, Giorgio di Simone, Giorgio Ratti, Ida, Luca, MariaGrazia,
Mirella, Rita, Rosa, Tiziana


In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.

Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.